Asma: l'inquinamento è la principale causa nei bambini

27.01.2012 20:27

L'inquinamento è la principale causa dell'asma infantile e ciò provoca dei costi sempre maggiori per i sistemi sanitari nazionali.

E' quanto emerge dalla ricerca effettuata dal team guidato dall'economista dell'Università del Massachusetts 'Amherst', Sylvia Brandt, insieme ad alcuni colleghi di centri di ricerca della California (University of Southern California) e della Svizzera (Università di Basilea).

Lo studio è stato pubblicato sull'European Respiratory Journal. Il costo totale dell'asma causato dall'inquinamento è molto più alto rispetto a quanto si fosse ritenuto sulla base di passate valutazioni di rischio e vi è una crescente evidenza del collegamento dell'esposizione al traffico e, quindi, dell'inquinamento atmosferico con l'insorgenza dell'asma. Lo studio è stato condotto a Long Beach, in California, dove i livelli di inquinamento sono particolarmente significativi.

Il totale dei costi connessi all'asma a causa di traffico e inquinamento è stato stimato a circa 18 milioni di dollari all'anno. Grazie all'uso di tecniche aggiornate in grado di quantificare i casi di asma attribuibili all'inquinamento atmosferico e, inoltre, i costi di assistenza sanitaria, come le giornate di lavoro perse dai genitori, le visite mediche e i tempi di percorrenza delle prescrizioni, i ricercatori hanno scoperto che un singolo episodio di sintomi bronchitici può ammontare a circa 972 dollari in una città come Riverside e a 915 dollari a Long Beach.

I sintomi bronchitici (ovvero manifestare quotidianamente tosse, congestione o catarro) rappresentano un dato critico per i bambini con asma. Inoltre, dalla ricerca è emerso che le persone che vivono nelle città con un elevato traffico e quindi con un più consistente inquinamento, pagano un peso maggiore di questi costi rispetto a chi vive in aree meno inquinate.

Nel complesso Brandt fa notare che i risultati sono assai significativi perchè Riverside e Long Beach costituiscono circa il 7 per cento del totale della popolazione della California, il che suggerisce che a livello statale i costi di asma legati all'inquinamento atmosferico sono notevoli.

"I metodi tradizionali di valutazione del rischio per l'inquinamento atmosferico - ha sottolineato la Brand - hanno sottovalutato sia l'onere complessivo di asma sia il costo della malattia associato con l'inquinamento atmosferico. I nostri risultati suggeriscono che il costo è in realtà molto più consistente e che dunque occorre prendere provvedimenti per ridurre gli effetti sanitari connessi all'inquinamento da traffico".

Da Paginemediche.it