Giornate belle e soleggiate: facciamo il pieno di vitamina D

30.03.2012 20:24

In queste belle giornate primaverili e soleggiate gli esperti invitano ad uscire per fare il pieno di vitamina D.

Una carenza di questa vitamina può provocare perdita della densità ossea, problemi muscolari e in alcuni casi rachitismo nei bambini. Le persone più a rischio sono gli over 65, le donne incinte o che allattano, e i bambini dai sei mesi ai cinque anni.

Nei Paesi dove la concentrazione dei raggi solari è inferiore all’Italia (ad esempio nel Regno Unito) le autorità raccomandano un integratore di vitamina D alle donne incinte e ai bambini con meno di cinque anni. Ma nelle giornate di sole bastano pochi minuti di esposizione ai raggi solari per ottenere lo stesso effetto di un supplemento (nel periodo compreso tra giugno e agosto sono sufficienti 15 minuti di esposizione).

Ma a cosa serve la vitamina D e perché è così importante? La vitamina D è indispensabile per aiutare l’organismo ad assorbire il calcio presente negli alimenti. Una carenza di questa vitamina può, dunque, provocare problemi ossei.

Nei mesi invernali è bene assumere alimenti ricchi di questa preziosa sostanza, come salmone, tonno, sardine o prodotti con vitamina D aggiunta, come cereali per la prima colazione ed alcuni tipi di margarine. Ma dalla primavera in poi l’ideale è uscire all’aria aperta ed esporre viso e corpo ai raggi solari.

Attenzione a non esagerare con il sole, però: è bene applicare sempre una crema protettiva e non aspettare che la pelle diventi rossa per spostarsi all’ombra.

Da Paginemediche.it